Condividiamo la bellezza

Il fiore del mese... Asfodelo

Appuntamenti 

 

... e Forchette

Zuppa di piante selvatiche

Ci mettiamo subito in moto di prima mattina, dirigendoci in campagna alla ricerca delle piante, utili e buone per preparare la nostra zuppa selvatica, ricca di minerali, vitamine e fibre...SEGUE

da l'Erbana

Il riso dell Amore

Sono anni che non cucino più un risotto in maniera classica, tradizionale. In linea con la mia Cucina Natural Green uso cucinare solo riso integrale con cottura ad assorbimento totale dell’acqua di cottura in ciclo di vapore. segue

Sfoglia la rivista dei parchi del Lazio

Newsletter

Iscriviti per condividere la bellezza!

Mellito di Rosa Canina

Il mellito è uno sciroppo che si prepara con il miele e lascia inalterate le proprietà delle piante. Si macerano le piante a freddo o a caldo direttamente nel miele. L’importante è usare un miele di cui si sa bene la provenienza, gli sciroppi da preparare con questo metodo sono diversi utili per la tosse invernale.

 

La Malva

Una delle piante che abitualmente vediamo in città, nei piccoli spazi verdi abbandonati, nei giardini lasciati incolti dall’amministrazione pubblica è la Malva selvatica una pianta che vegeta in tutto il suo splendore!

Piante sul monte dei cocci

<< 1 | 2 | 3 | 4 | 5 >>

Il Castello Quistini è un antica dimora del 1500, appartenuto all’antica famiglia dei Porcellaga progettato come villa di campagna, possiede però tutte le caratteristiche di un castello.

"Monte Testaccio tra le piante e i cocci"

Ore 12,30 il sole ci ha un pò arrostiti, in tema visto che parlavamo di piante e di cucina romana. Avevamo paura di trovare il sito falciato invece i custodi della sovrintendenza, falceranno il sito la prossima settimana.

Cymbalaria muralis

Le piccole piante, si arrampicano in posticini in prima fila, avendo l’adire di crescere in ogni posto, come i muri, i marciapiedi e i monumenti archeologici. 

La resilienza urbana

Liceo scientifico Giovanni Keplero di Roma

L’idea di città resiliente rappresenta un sistema urbano che interviene e si adegua ai cambiamenti climatici, coinvolgendo attivamente tutta la comunità attraverso progetti sociali, economici e ambientali, in un processo di adattamento. SEGUE

L'orto buono

Un orto è per molti un desiderio quasi irraggiungibile, ma è sufficiente un bel balcone assolato e riparato per avere grandi soddisfazioni e scegliere bene cosa mangiare. Raccontiamo oggi di cavoli, come si coltivano e qualche buona ricetta da sperimentare!

L'albero di Natale

Ci ricordiamo di lui solo in dicembre come albero da decorare per le feste di Natale. Il nostro albero di Natale è l'abete rosso (Picea abies (L.) H. Karst.) chiamato anche péccio, della famiglia Pinacee è una conifera sempreverde montana.

Artemisia: "Pianta delle donne"

La dea Diana, signora delle Selve, protettrice delle acque sorgive, degli animali selvatici e delle donne, assicurava parti non dolorosi grazie all’uso di questa pianta, chiamata “Artemisia”, “dedicata ad Artemide”, in onore della Dea-Madre.

L'erba del diavolo

lo stramonio, chiamato anche: “Erba del diavolo”, cresce orgoglioso ai margini del fiume e si fa notare per i suoi fiori e per le sue grosse capsule spinose di un verde intenso che brillano al sole. 

 

Rose

Maggio è tutto un fiorir di rose, tante da far girar la testa, oltre al profumo i mille colori caratteristica delle rose moderne!