Condividiamo la bellezza

l mercato di Piazza Epiro

Il mercato di Piazza Epiro per il 25 settembre ha organizzato una serata dal titolo " Il gusto del territorio" insieme ai suoi frequentatori, invitandoli a gustare tra i banchi del mercato un buon vino assieme a dolci dal sapore antico, mentre l’Associazione accademia del gusto TuChef di Roma ha offerto i famosi filetti di baccala pastellati e fritti! 

Il mercato di Piazza Epiro ha voluto inoltre regalare una testimonianza scritta a legare il territorio alla cucina, un breviario di ricette che vuole essere la prima raccolta, fatta attraverso l’esperienza degli operatori, in collaborazione con i clienti. Il primo breviario dal titolo “Autunno” raccoglie ricette legate alla stagionalità, e attraverso il cibo si intreccia la storia di un quartiere vivo e attento al consumo di prodotti a Km 0, che tutti i giorni gli operatori ne garantiscono la freschezza e la qualità. 

  

Autunno, nasce dalla volontà dell’Associazione Mura Latine che ha dato vita all’iniziativa in collaborazione con gli operatori del mercato per saldare un rapporto di fiducia con i clienti. Il ricettario è arricchito dalle belle illustrazioni di Daniela d’Elia, che ha saputo cogliere attraverso il disegno il gusto del buon cibo. 

L’iniziativa del mercato di Piazza Epiro ha proposto per il giorno successivo, la lettura alternata del libro "Nelle immediate vicinanze" di Mario Quattrucci, un giallo che descrive e rivive i luoghi comuni del quartiere.

Abbiamo scelto tre ricette dal breviario “Autunno”, una di Alessandro del Box n. 4 “Crostata di cavolfiori” l’altra ricetta è di Federica una cliente che ci descrive la “Torta di zucca” e per ultima ma non meno buona quella di Bruno del Box n. 43 “Fuselloni di Piazza Epiro”.

Ricette da Il gusto del territorio

L'Autunno

Crostata di cavolfiori

di Alessandro Mattoccia Box 4

INGREDIENTI

350gr di pasta sfoglia

1 cavolfiore

150gr basciamella

50gr parmigiano

noce moscata

Olio/o burro

Sale qb

PROCEDIMENTO

Lessate il cavolfiore, scolatelo e conservate l'acqua. Imburrate una tortiera e disponete sul fondo la sfoglia. Copritela con un foglio di carta da forno e fagioli secchi. Infornare a 100° per 1/4 d'ora. Nel frattempo preparate la basciamella utilizzando l'acqua di cottura del cavolfiore. Dividete in pezzi il cavolfiore disponeteli nella teglia priva dai fagioli. Condite con fiocchi di burro, il parmigiano grattugiato e un pizzico di noce moscata. Coprite con la basciamella mettete in forno a 150° per circa 1/2 ora.

°°°

Torta di zucca

di Federica Martella - Cliente

INGREDIENTI

250gr di zucca

240gr farina

150gr di zucchero

65gr di burro

80ge di latte

1 uovo

1/2 bustina abbondante di lievito

1 chiodo di garofano

cannella qb

zenzero qb

un pizzico di latte

PROCEDIMENTO

Pulire la zucca e cuocerla a vapore fin quando non sarà abbastanza morbida e schiacciarla. Nel frattempo scaldare il latte con il chiodo di garofano. A parte sbattere l'uovo con lo zucchero, aggiungere il burro ammorbidito e la farina che sarà stata precedentemente unita al lievito e setacciata. Aggiungere la polpa della zucca, il latte da cui avete tolto il chiodo di garofano, le spezie e mescolate l'impasto con una spatola fino a renderlo uniforme. Versate il composto nella teglia leggermente unta e cuocere a 180° in forno statico per circa 30 minuti. I tempi di cottura possono variare da forno a forno si consiglia quindi di verificare la cottura con il metodo dello stuzzicadenti.

Fuselloni di Piazza Epiro

di Bruno Blasco - Box n. 43

INGREDIENTI

350gr di zucca gialla

200gr guanciale

1 cipolla dorata

40gr di pecorino romano in scaglie

172 lt di brodo vegetale

250gr di Fuselloni

sale, pepe nero e olio Evo qb

PROCEDIMENTO

Mondare la zucca e con un terzo ricavare dei cubetti regolari. Tagliare in modo irregolare la restante parte della zucca. Far struggere la cipolla in olio evo con la zucca tagliata irregolarmente, regolare di sale e di pepe e bagnare con il brodo fino a ricavarne una purea. In una padella antiaderenta far rosolare il guanciale tagliato a fettine sottili e metterlo da parte. Una volta tolto  il guanciale, saltare i cubetti di zucca in modo che restino croccanti e metterli da parte. Unire la purea di zucca e lasciar insaporire. Cuocere i fuselloni in acqua salata scolarli al dente e saltarli nella purea di zucca con la metà del pecorino. Impiattare e decorare con i cubetti di zucca, il guanciale e la restante parte del pecorino.

... e non ci resta che augurare buon appetito a tutti!

 

 

 

A Roma i mercati rionali provano a cambiare!

A Roma i mercati rionali provano a cambiare!

In molte città del mondo, da Londra a Berlino e oltre oceano è in piena espansione il concetto di Food Markets letteralmente cibo e mercato. All’interno dei mercati rionali spuntano stand gastronomici, dove l’offerta spazia tra dolcetti, cibo bio, vegano e frullati, il tutto offerto a pochi passi dal banco della frutta, della verdura, del pesce e della carne!

Il mercato rionale di Testaccio a Roma conosciuto in tutto il mondo, famoso per la tradizione della cucina romana dove la carne è la regina; il 12 settembre, per una volta si veste elegante, organizza una serata culinaria dal titolo FoodBlogger Social Night, dove invita i suoi frequentatori a vivere per una notte il mercato trasformato in un luogo pieno di luci, musica e tanta buona cucina.

Un successo di pubblico e un alto gradimento, un sapore diverso hanno gustato i consumatori; dove fruttivendoli, vignaioli, pescivendoli sono passati dai consigli, alla cucina di piatti veri, nella più rigorosa tradizione romana.

A giugno il mercato Testaccio nella piazzetta centrale, ha dato appuntamento per condividere un evento, un'offerta culturale proposta dall’Associazione Fiori&Forchette: “La cultura va al mercato” un format dove nella cornice del mercato si parla di libri, di cibo, di cucina, di erbe spontanee e di giardini, dove i consumatori non sono solo spettatori ma vengono invitati a partecipare. 

   

Il primo libro quello di Beatrice Calia, dal titolo “L’Erbana una selvatica in cucina” ha avuto per la riuscita dell’evento l’appoggio degli operatori che hanno offerto i loro prodotti: la verdura, di Lina dei F.lli Covoni, una cicoria mista di campo, la più appetitosa; rape e zucchini di Silvia dell’azienda Agricola Vittori Gabriele; 

 

i buoni pomodori rossi di Matteo, l’olio exstravergine Italiano dell’Associazione Italiana Produttori Olivicoli che ha condito il buon pane di Artemio dal profumo e il sapore antico che Beatrice ha saputo onorare in maniera divina; 

in armomia con l’evento è stata allestita una tavola decorata con oggetti offerti da Raffaella di Camere 39 e dal box 8 di Cocci & Madera, senza dimenticare la simpatia di Ada del box il cibo dei nostri amici animali!

Il 23 settembre il mercato è tornato ad essere un punto d’incontro con Lucia Menicocci che ha portato a conoscere le sue erbacce spontanee con il suo libro: “Spigolando nel Verde”. 

Il prossimo appuntamento è con Monica Sgandurra architetto paesaggista che tra dolci e giardini ci racconta il suo libro: “Cakegarden” il 15 ottobre.

Il progetto di Fiori&Forchette

I mercati sono una risorsa da tutelare e valorizzare attraverso nuovi format, nuovi linguaggi e nuove metodologie, creando un indotto economico e un diverso rapporto con gli utenti finali.

Il panorama dei mercati rionali oggi vive un momento d’emergenza, al limite della sopravvivenza; richiede quindi un livello d’intervento e una progettazione adeguata e mirata. Oggi all’interno dei mercati, è totalmente assente l'offerta di servizi culturali e il recupero delle tradizioni diventa una necessità.

Un cambiamento auspicabile e sicuramente di grande impatto sociale con lo scopo di portare al mercato una nuova offerta in sinergia con tutti gli operatori che devono vedere nel progetto una crescita di qualità. Oggi il mercato non è soltanto la spesa giornaliera, la dove la domanda e l’offerta s’incontrano, ma anche un momento di socializzazione.