Condividiamo la bellezza

Borgo Buggiano Castello “Il Giardino degli Agrumi”

Borgo Buggiano Castello “Il Giardino degli Agrumi”

Buggiano Castello è uno degli angoli più belli della Toscana in provincia di Pistoia, esempio d’architettura civile del 1200. La Chiesa è stata fondata nel 1038 dai signori da Buggiano come monastero privato benedettino, mostra all’esterno un paramento murario in semplice arenaria, con pochi inserti decorativi, tipico del romanico campestre toscano, la cui rusticità è acuita dalla possente torre campanaria.

Nel 1514, l’abbazia di Buggiano passò sotto l’autorità della Badia Fiorentina, i cui abati abbellirono la chiesa con opere di scuola fiorentina. Oggi i locali dell’abbazia sono in totale disuso e in stato d’abbandono. Solo il chiostro, resta un esempio magnifico di architettura del primo rinascimento, attribuito all’allievo del Brunelleschi, Andrea Cavalcanti.

Il chiostro ogni due anni rinasce attraverso una mostra di agrumi: “La campagna dentro le mura”. Le sue mura nascondono una storia ricca e piena di fascino, attraverso le strade selciate e ripide guidano i visitatori in un’atmosfera di altri tempi, dove il centro medievale si rivela nella piazza Pretoria.

I protagonisti di questo luogo sono gli agrumi che in queste latitudini sono rari trovarne di così importanti. Gli agrumi del borgo nascono grazie alle particolari condizioni delle correnti calde che regolano il microclima del luogo.

I piccoli appezzamenti di terra si coltivano nell’intimità, da giardinieri, proprietari dei giardini segreti, per aprirli solo ogni due anni, dalla fine del mese di aprile sino ai primi giorni di maggio, in occasione della festa “La campagna dentro le mura”.

I proprietari lavorano per due anni per offrire questo spettacolo ai visitatori che diventa una competizione e fanno a gara per decorare e abbellire ogni giardino per accogliere i visitatori tra musica, cibo genuino, profumi di fiori, arance e limoni.

I giardini diventano testimoni della storia del luogo, nati in origine come orti per il consumo famigliare, solo in futuro diventano ornamentali, gli agrumi inizialmente coltivati per la produzione di marmellate, ora diventano  elementi ornamentali.

I giardini segreti identificati e censiti come museo a cielo aperto, in totale sono 18 con tanto di catalogazioni e descrizione delle varie specie botaniche. (Foto si riferiscono all'anno 2013 edizione passata la prossima sarà nel 2015)

sito: http://www.borgodegliagrumi.it/index.html