Condividiamo la bellezza

Charles Jencks

Charles Jencks

Nato a Baltimora nel 1939, è un architetto statunitense. Critico, storico e teorico dell'architettura e del paesaggio. Le sue opere arappresentano la storia del modernismo e postmodernismo dell’Architettura paesaggista di cui è stato il principale teorico. 

Di origini scozzesi, ha studiato letteratura britannica presso l'università di Harvard, in seguito ottenendo una laurea magistrale in architettura presso la Graduate School of Design nel 1965. Ha inoltre conseguito un dottorato di ricerca in storia dell'architettura presso lo University College di Londra.

Jencks è stato alunno degli storici dell'architettura Sigfried Giedion e Reyner Banham.

Durante gli anni sessanta si è trasferito in Scozia, dove ha continuato a vivere e lavorare.

E’ anche la forza trainante del progetto del Maggie Centre, a Edimburgo, progettato da Richard Murphy e completato nel 1995, che ha visto alcuni dei migliori architetti di design, quali Zaha Hadid, Frank Gehry e Richard Rogers, impegnati a costruire rifugi per le persone con il cancro.

Dal 2003 al 2010, come paesaggista, Charles Jencks ha sviluppato il progetto dal titolo “Cellule di vita” . Completato per la Fondazione “Jupiter Artland”, un parco di sculture di proprietà privata a Edimburgo. Il progetto comprende otto diversi spazi verdi che circondano 4 laghi e una strada rialzata connecting sviluppati nel parco all'aperto.

INFO-www.jupiterartland.org/

CELLE DI VITA di Charles Jencks

Il tema è la vita della cellula, cellule, come le unità di base della vita, e il modo in cui una cellula si divide in due fasi chiamate mitosi (presentata in un ruscello arenaria rossa). La curvatura dei sedili in calcestruzzo sono modelli di cellule ridisegnate e circondate da rocce. I cerchi concentrici ridisegnano il processo della divisione della cellula. Dall'alto, il layout disegnato è ben visibile a rappresentare la divisione delle membrane e dei nuclei, una celebrazione una morfologia della cellula che è la base della vita.

 

http://www.charlesjencks.com/