Condividiamo la bellezza

Cymbalaria

Cymbalaria

Le piccole piante, si arrampicano in posticini in prima fila, avendo l’ardire di crescere in ogni posto, come i muri, i marciapiedi e i monumenti archeologici. E’ un piacere osservarle tenaci e imperterrite in tutta la loro bellezza! Ed ecco spuntare a marzo una di loro, graziosa e delicata, dai piccoli fiori solitari ermafroditi, bianco-viola, la corolla labiata, divisa in due lobi chiamati labbri il suo nome è “Cymbalaria muralis

Cymbalaria muralis

Ciombolino comune, Cimbalaria, Erba tondella, Erba piattella, Parrucca, Cimbalaria murale, Rovina di Roma

 

La cimbalaria dei muri, il cui nome deriva dalla forma delle foglie, assimilate ai cimbali, piccoli strumenti musicali che producono un suono brillante.

La pianta, per mettere radici ha bisogno di poco terriccio, per questo si trova solitaria sui muri di città, tra i marciapiedi, nei prati, sui bordi delle strade. Lei preferisce luoghi calcarei, ombrosi e umidi; pianta solitaria, non lascia alle altre piante di metter radici. La Cymbalaria muralis appartiene alla famiglia delle Plantaginaceae è una pianta perenne che fiorisce da marzo fino ad ottobre inoltrato. Piantina delicata dal fusto esile, ma tenace, strisciante e rampicante. Le sue foglie glabre, sono alterne, a volte opposte nella parte inferiore del fusto, carnose, di colore verde chiaro.

Specie officinale, la Cymbalaria muralis era utilizzata per le sue virtù antinfiammatorie in infuso, per i calcoli renali e le per le proprietà diuretiche. Le foglie ricche di vitamina c consumate crude in insalata, cotte, un tempo, curavano lo scorbuto; mentre le foglie fresche favorivano la cicatrizzazione, poste sulle ustioni e sulle piccole ferite.

Originaria dell’Italia e della Dalmazia, si è poi diffusa in tutta l’Europa, introdotta nei giardini francesi a partire dal XV secolo con il nome “Rovina di Roma”, la Cymbalaria muralis era presente nei giardini e nei parchi come pianta ornamentale; anche oggi nei giardini è usata come tappezzante a lunga fioritura, si accomoda su ciotole o piccoli vasi, usata anche come bordura e nei giardini rocciosi in ombra.