Condividiamo la bellezza

FUTURO VERTICALE?

FUTURO VERTICALE?

Torna per il sesto anno, il Premio FuturArc prize 2013, The Voice of Green Architecture in Asia importante concorso di design: ridisegnare un nuovo paesaggio urbano produttivo, all'interno delle città. Si è svolta da settembre 2012 fino a dicembre 2012 e vede in questi giorni proclamare i vincitori. Una nuova visione del consumo di suolo e di produzione di cibo e della gestione dei rifiuti delle città, nuove tipologia di costruzioni urbane e riqualificazione delle aree di alta densità.

Una nuova visione degli edifici urbani che siano parte di un ripensamento architettonico e strategico della città asiatica.

Ripensamento strategico della città asiatica: “ Poca terra in Cina per l'agricoltura”.

Javier Ponce architetto by Japa Architects, riceve la “Citations” - Dyv-Net , un progetto che riguarda il secondo più grande distretto amministrativo di Hong Kong, il distretto di Tai Po.

A causa della rapida espansione urbana, la Cina vede ridursi la superficie del suolo agricolo.
La Japa Architects ha progettato una serie di alte torri inanellate, appena fuori le linee della città, che forniscono il fabbisogno alimentare della metropoli.

Esse sono costruite con materiali di metallo leggero ma ad alta resistenza e con l’utilizzo di materiale riciclato.

Ogni anello ha la capacità di spostarsi e cambiare posizione per adattare le piante ad una migliore esposizione. Ispirate alla tradizione della coltivazione del riso a terrazze, hanno una struttura di 187,50 metri.

Nelle strutture si utilizzano culture idroponiche per far crescere prodotti, usando poco o nessun terreno, le torri saranno equipaggiate con laboratori per monitorare la crescita e il valore nutrizionale dei raccolti.
Gli edifici saranno aperti ai visitatori locali e internazionali, permettendo loro di imparare a conoscere l'agricoltura locale, inoltre si avrà a disposizione una vista panoramica offerda da ogni anello.

La proposta riguarda lo sviluppo di strutture agricole, dove il cibo è in relazione con le distanze e con il trasporto alimentare, fattore cruciale per il futuro.

Le strutture agricole verticali, possono essere integrate nel territorio lungo tutto il paese e rispondere a molte delle esigenze legate alla produzione agricola.
 

Mentre una parte del mondo occidentale torna alla terra attraverso la coltivazione sinergica e di prossimità, l’altra parte studia architetture verticali con culture idroponiche che diventano luoghi di produzione e turismo.

INFO- www.futurarc.com/greenleadershipaward2013/