Condividiamo la bellezza

I GIARDINI DI BOBOLI

I GIARDINI DI BOBOLI

 

è un parco storico della città costruito nel 1550, nel cuore di Firenze tra il Forte di Belvedere e la reggia medicea di Palazzo Pitti, è un parco monumentale, considerato uno dei massimi esempi di giardino all’italiana, al mondo ed è un vero e proprio museo all'aperto, per l'impostazione architettonico-paesaggistica e per la collezione di sculture, che vanno dalle antichità romane al XX secolo.

I giardini dietro Palazzo Pitti, residenza dapprima dei Medici, poi dei Lorena e dei Savoia, furono costruiti tra il XV e il XIX secolo e occupano un'area di circa 45.000 m². Alla prima impostazione di stile rinascimentale, visibile nel nucleo più vicino al palazzo, si aggiunsero negli anni nuove porzioni con differenti impostazioni: lungo l'asse parallelo al palazzo nacquero l'asse prospettico del viottolone, dal quale si dipanano vialetti ricoperti di ghiaia che portano a laghetti, fontane, ninfei, tempietti e grotte.

 

  

Notevole è l'importanza che nel giardino assumono le statue e gli edifici, come la settecentesca Kaffeehaus (raro esempio di gusto rococò in Toscana), che permette di godere del panorama sulla città, o la Limonaia, ancora nell'originario color verde Lorena.

I giardini hanno nel complesso una configurazione vagamente a triangolo allungato, con forti pendenze e due assi quasi perpendicolari che si incrociano vicino alla Fontana del Nettuno che si staglia sul panorama. A partire dai percorsi centrali degli assi poi si sviluppano una serie di terrazze, viali e vialetti, vedute prospettiche con statue, sentieri, radure, giardini recintati e costruzioni.

Nel 1834, per l'apertura di un grande viale carrozzabile, furono distrutti i labirinti e molti viali rettilinei vennero trasformati in viali curvilinei secondo il gusto del giardino paesistico all'inglese. La vasta superficie verde suddivisa in modo regolare, costituisce un vero e proprio museo all'aperto, popolato di statue antiche e rinascimentali, ornato di grotte e di grandi fontane. in un'inesauribile fonte di ambienti curiosi e scenografici.

Nel giardino, suddiviso in terrazze, si trovano sculture di Ammannati come la fontana di Ercole che scoppia Anteo o la colossale statua di bronzo dell’Appennino. Nella seconda terrazza, chiamata anche giardino degli agrumi, si trovano due serre dove d’inverno si conserva una spettacolare collezione di piante di agrumi, si tratta di circa 500 esemplari ornamentali di specie antiche e rare che ogni primavera vengono portati all’esterno nei loro vasi di terracotta per decorare i viali del giardino.

La composizione più spettacolare del giardino è però la grotta degli Animali, una grotta artificiale le cui pareti sono completamente rivestite da concrezioni calcaree e i pavimenti disegnati a mosaici policromi. Nelle nicchie delle pareti si trovano le tre fontane degli animali che danno nome alla grotta.

FOTO dalla Finestra di Stefania stefyp0674@yahoo.it

info wikipedia 

www.fiori-forchette.com

 



Maggiori informazionihttp://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:qOAeZayrGzMJ:www.fiori-forchette.com/products/il-giardino-di-boboli/+&cd=1&hl=it&ct=clnk&gl=it