Condividiamo la bellezza

L'ORTO DEI RAGAZZI...SPECIALI

L'ORTO DEI RAGAZZI...SPECIALI

 

A Roma  nel quartiere del Testaccio,

  nasce e cresce un orto molto speciale, realizzato  da ragazzi  diversabili  e  anziani fragili dell’Associazione Articolo 9.

Insieme  creano una sinergia  che fa crescere, broccoletti, cipolle e pomodori, felici e contenti. All’interno  dello spazio comune del Cai, l’orto prende vita, con i tempi dei ragazzi e delle nonne che sono esperte e attente al passare delle stagioni...

PETER:

Luna calante, luna crescente…. Bisogna creare il “guardiano della luna”…

 

ENRICO:

Per vedere le piante che crescono sotto terra, abbiamo messo i semi di carote e cipolle:

carote… non si vede nulla…

cipolle… forse… ecco… spunta qualche filino…

 

DANILO:

Alcuni ortaggi – carota, finocchio, sedano, carciofo… - si mangiano anche crudi. Io ci faccio il CAZZIMPERIO (ossia il pinzimonio)!

 

GIOVANNI

Dagli alberi si ottiene il legno, la carta… gli stuzzicadenti!

ENRICO:

Col prezzemolo ho fatto un bel mazzolino e lo porto alla Casa-famiglia!

 

al primo raccolto andiamo direttamente in cucina e mettiamo a tavola…

 

FRANCO:

Con i nostri ortaggi – carote, broccoletti, cavolo, cipolla – già ci si potrebbe fare un minestrone!

DANILO:

I broccoletti ripassati con la salsiccia… è la morte sua!

 

DANILO:

Torta rustica con broccoletti e salsiccia: “il senso della vita!”

 

ROBERTA:

Devo imparare a cucinare, se no non mi si sposa nessuno!!!

MARCO:

I broccoletti, bolliti e conditi pure con un po’ di peperoncino, li mangio felice con mamma.

ROBERTA:

Ecco la mia carbonara: spaghetti, pancetta, uovo, formaggio, pepe… una meraviglia… che te lo dico a fa?...

DANILO:

Per San Valentino ‘jho regalato ‘na rosa… e mica je potevo regalà i broccoletti...

MARCO:

Attenzione! Le cornacchie hanno mangiato la nostra insalata!

 

Alla fine della giornata, faticosa nel sarchiare e seminare  l’orto, i ragazzi si trasformano e diventano …

FRANCO: il prezzemolo…

ROBERTA: una carotina arancione…

GIOVANNI: un broccoletto…

ANGELO: una melanzana rotonda…

ENRICO: un bel carciofo…

GABRIELLA: il peperoncino…

MARCO: una zucchina…

DANILO: il broccolo romano…

CARLO: la verza…

VALERIA: una cipolletta…

ANNA: una patatina…

ROSAMARIA: il radicchio…

 

Così cresce l’orto ogni giorno anche perché Danilo va ad annaffiarlo,  si sa le piantine tenere hanno sete, tutto questo succede sotto la super visione delle nonne esperte…

 

LE NONNE INSEGNANO!

 

Anna, Felicetta, Lucia, Santa, Silvana…

LUCIA:   A novembre è il tempo di piantare l’aglio e le cipolle…

SANTA:  Per piantare l’aglio, si prende 1 spicchio e si mette in una buchetta…

Di cipolle ci sono tante qualità; qui al mercato, dai fratelli Massaro, ci sono quelle bianche piatte, buonissime…

LUCIA: Ricordate che la carota non si trapianta, la cipolla, sì

FELICETTA:

Nel recinto delle carote, i semi vanno sparsi mischiati a un po’ di terra: “ Se no, chiappi troppo…)

LUCIA:

La mattina, finché c’è la brina, le piante non si toccano… Ai cavoli, le foglie gialle non si tolgono…

 

FELICETTA:

Le cipolle si possono piantare anche mettendo una cipolletta a fior di terra… è meglio…

SILVANA:

In primavera si può cogliere l’ortica : viene buono il risotto…

SANTA:

Alla bieta si tolgono le foglie vecchie, ma ricordate, al cavolo no!

ANNA:

Quando si colgono i broccoletti, sappiate che “ricacciano”!...

 

L’orto moltiplica i suoi prodotti che finiscono a volte in padella a volte crudi e conditi, è sempre una festa, ogni volta che un ortaggio spunta dalla terra, una festa anche quando si fatica, allegria e il divertimento contraddistinguono quest’orto.  Creato per condividere insieme l’esperienza della coltivazione e del raccolto.

 Grazie al  Servizio Flessibile gruppo H del Municipio Roma Centro Storico e  al centro anziani fragili “Elsa Moranate” a Testaccio

 

www.fiori-forchette.com