Condividiamo la bellezza

ALBERO DE TULIPANO

Tulipano albero della famiglia delle Magnoliaceae

Tulipano albero della famiglia delle Magnoliaceae

MaIl tulipier o, italianizzato, tulipifero (Liriodendron tulipifera L.) è un albero della famiglia delle Magnoliaceae di origine del Nord America. Il nome deriva dal francese a causa dei suoi fiori, simili a tulipani di colore verde-giallo.

Attraverso il sequenziamento, i ricercatori hanno scoperto che il genoma mitocondriale del Liriodendron tulipifera ha uno dei tassi di mutazione silente più lenti di qualsiasi genoma conosciuto. Rispetto ad esempio all’uomo, il tasso è duemila volte più lento, l’ammontare della variazione genomica in una singola generazione umana necessiterebbe di cinquantamila anni per essere raggiunta dall’albero tulipier.

I geni ancestrali e i geni Rna trasnfer sono, dunque, stati preservati e l’albero ancora contiene molti geni andati perduti durante i successivi duecento milioni di anni dall’evoluzione delle piante da fiore. Come è il caso di un gene tRna che non è mai stato rilevato in alcuna angiosperma sequenziata sinora. Dai test è emerso che il genoma è rimasto più o meno congelato nel tempo per milioni e milioni di anni.

USI

Nei luoghi d'origine la pianta si presta a svariati usi, dalla silvicoltura alla produzione di miele, nonché per l'utilizzo del legname. In Italia è perlopiù utilizzato a scopo ornamentale. In tal senso vale la pena citare un esemplare di L. tulipifera situato nel parco di Villa Besana a Sirtori, in provincia di Lecco, che, con i suoi 52 metri d'altezza, è l'albero più alto d'Italia!

Miele

 

Grazie all'elevata presenza di nettare nei fiori, negli Stati Uniti è comune sfruttare il toulipier nell'ambito della produzione mellifera.

Legname

Essendo un albero che cresce alto e dritto fornisce del legname che, con le sue caratteristiche di lavorabilità, stabilità e peso specifico (480 kg/m³ essiccato) lo rendono adatto ad un gran numero di impieghi. Ha colore biancastro, venatura evidente con fiammature scure o verdastre e consistenza tenera. È particolarmente apprezzato, oltre che per l'economicità, per l’ottima reazione ai trattamenti con vernici, mordenti e impregnanti, quando viene tinto assomiglia al legno di noce e a volte viene spacciato per esso.

<TORNA A ERBARIO>