Condividiamo la bellezza

RICETTE GOLOSE 

I PELARGONI

Omelette al geranio 

6 uova – una manciata di foglie di Chocolate Peppermint - olio – sale.

Tritate finemente le foglie profumate, dopo averle lavate e asciugate. Battete in una scodella le uova, salate e aggiungete il trito di foglie profumate. Verste in padella e lasciate cuocere, servite ben calda.

Riso dolce al Crispum minor 

100 gr di riso - ½ di latte, - ¼ di panna – 15 foglie di Crispum –

100 gr di uvetta, - 40gr di zucchero – 50 gr di noci tritare grossolanamente.

Mettete sul fuoco il latte e la panna con un pizzico di sale, le foglie profumate e il riso. Appena inizia a bollire abbassate il fuoco al minimo. Lasciate cuocere per venti minuti circa o comunque fino a che il riso e cotto. Togliere dal fuoco e fate riposare per circa un quarto d’ora.

la vate le foglie profumate, aggiungete lo zucchero, le noci e l’uvetta (precedentemente messa a bagno per almeno 10 minuti). Imburrate una pirofila che poi possa andare a tavola e versarci il composto, decorate con qualche foglia di Crispum fresca, spolverate con lo zucchero e mettere per circa venti minuti in forno molto caldo. Quando il tutto sarà ben imbiondito togliere dal forno.

Servire tiepido.

 

 

 

“Festival del Verde e del Paesaggio” 2014

“Festival del Verde e del Paesaggio” 2014

Auditorium Parco della Musica: “Che bella gente s’ incontra al Festival del Verde e del Paesaggio", sarà lo spettacolo di Lorenza Zambon che ti da quella spinta ottimista: “Su dai che ce la possiamo fare, basta un seme!” Uno spettacolo da cui lei ha tratto il libro “Lezioni di giardinaggio planetario” attrice giardiniera come ama definirsi.

  

La Festa del verde e del paesaggio è una bella mostra, l’occasione per espositori e appassionati giardinieri d’incontrarsi nella cornice dell’Auditorium di Renzo Piano a Roma.

Dalle piante ornamentali, aromatiche a quelle rare, ci ricordano la bellezza della natura, coltivate da vivaisti con la competenza e l’amore di chi ci dedica la vita: “Impegno e passione”.

Proprio i vivaisti animano il festival con le loro piante, esposte con cura per gli occhi di chi compra, anche molti accessori, piccoli oggetti ma anche interi arredamenti per terrazze e grandi giardini.

I fiori spiccano per i colori e il profumo come le rose di Vittorio Barni di Pistoia, tante varietà di rose, inglesi, in vaso, rampicanti e ricadenti. www.rosebarni.it

I pelargoni, gerani, da collezione, quelli rari, dal profumo di una volta, molte sono le varietà di Marzia Milano dell’azienda “Il fiore all’occhiello” che da sempre li coltiva con passione e competenza. Mi fa un regalo gradito: “Ricette con i pelargoni”, di seguito due ricette da provare.

Dopo le ricette golose, libri sul paesaggio, presentati da Monica Sgandurra e Andrea Di Salvo, 7 libri autorevoli che descrivono, esperienze, da illustri maestri, della natura e al paesaggio urbano. Il premio Follie d’Autore, dal tema: “Giardino luogo preveggente” rappresenta un giardino da sperimentare in tutti i sensi e con tutti i sensi, legato nella sintesi all’evoluzione urbana.

Avventure creative: “Innamorarsi in giardino” a concorso giovani architetti del paesaggio, giardini temporanei, dove la creatività interpreta il giardino dei sensi.

Balconi per Roma, un concorso per under 30, piccoli giardini, piante, fiori o erbe aromatiche e speziali, oggetti inseriti magistralmente che danno vita ad un insolito balcone artistico.

In un turbinio di colori, musica e bambini allegri, il Festival del verde e del paesaggio si chiude, dandoci appuntamento al prossimo anno, sperando che tutto si possa ripetere anche in un'altra cornice, accessibile a più persone, oggi penalizzate dal costo elevato del biglietto d’ingresso.  F&F