Condividiamo la bellezza

LIBRERIA

EDITORE MUZZIO

 

EDITORE JUDITT B. TANKARD

Presso l'Università della California, sono stati raccolti documenti su molti dei suoi giardini, alcuni dei suoi più bei disegni, fotografie, lettere e cimeli, è qui che Rosamund Wallinger ha trovato il progetti originali per la ristrutturazione di Upton Grey!

LA CASA

 

Gertrude Jekyll

Gertrude Jekyll

Gertrude Jekyll

(1843-1932) è stata designer di giardini e scrittrice di giardinaggio.Ha scritto più di 1000 articoli, per riviste come Country life e The garden, e ha creato più di 400 giardini, che si possono ancora ammirare in Gran Bretagna in Europa e in Nord America; ancora oggi le sue teorie influenzano il mondo nella progettazione di giardini.

Nata a Londra, da una famiglia benestante, Geltrude Jekyll studia pittura e botanica presso il Kensington Scuola d'Arte del Sud, dove il metodo di disegnare giardini è influenzato da “ Art and Crafts” principi che assorbe da John Ruskin e William Morris. Un metodo simpatetico tra casa e dintorni in funzione del vivere; ogni singolo impianto deve essere studiato per la cultura, l’abitudine, le foglie e i colori per ottenere un effetto pratico, bello e appropriato. Il giardino dovrebbe rivelare scorci inaspettati e sorprese pittoriche per chi lo vive. 

Una scelta inusuale per una giovane donna nell’epoca vittoriana; Gertrude aveva un carattere determinato e un grande talento come pittore.

Molto dopo ha iniziato a progettare giardini, e la sua formazione al Liceo Artistico l’ha facilitata nella presentazione dei progetti ai suoi clienti.

Sono proprio i suoi acquarelli eccezionali che riproducono fedelmente la sistemazione dei giardini da lei creati, in particolare "le zone di fiori colorati".

Il suo lavoro è conosciuto proprio per i colori e le pennellate di colore che si riconoscono nei giardini e nei suoi libri descrive schemi e stile attraverso disegni impressionisti. Jekyll è stata uno dei primi garden design a prendere in considerazione il colore, la sua teoria come progettare con il colore è stato influenzato dal pittore JMW Turner e dalla teoria della ruota dei colori.

Gertrude Jekyll iniziò a scrivere articoli su riviste di successo, dove William Robinson scriveva di “Giardini Naturali” e erbe spontanee. Già dai primi anni 1880, era una figura di alto livello all'interno delle RHS, alla fine riceve il Veitch Memorial Medal e la Medaglia d'Onore Victoria nel 1897 insieme a Ellen Ann Willmott.

 Gertrude Jekyll, ha trascorso molti anni lavorando al fianco dell’architetto inglese Edwin Lutyens, che incontra nel 1889, per la prima volta.  E' Lei che lo introduce nella sua cerchia sociale con clienti importanti e gli fornisce progetti e disegni per i suoi giardini.

Un dei progetti importanti è stato quello della sua nuova casa, vicino a Godalming, Surrey, progettata da Lutyens, nel mezzo un giardino sperimentale, fedele ai suoi principi, ha usato per il giardino caratteristiche locali come la pietra Bargate, con percorsi di sabbia, costituito da piante stagionali e colori a tema, di piante rustiche, erbacee perenni, arbusti, rampicanti e siepi, fuori dalla formalità al limite del boschivo.

 

Qui, Miss Jekyll sviluppò le sue idee su impianti con tocchi di colore, radicata nelle teorie cromatiche di Michel-Eugène Chevreul, in modo che il confine sia disposto, come una ruota di colore piatto, con ogni gruppo composto da più punti dello stesso colore complementare, da stabilizzare con gruppi di grigio e bianco.

Questi esperimenti hanno formato la base dello stile di Gertrute Jekyll, riconoscibile nei suoi giardini, da Hestercombe, Upton Grey, Heywood in Irlanda o Le Bois des Moutiers in Francia. Geometrie semplice, blocchi di rose rosa, Cina (di seguito), i picchi di yucca, cuscini di bergenia e Stachys bizantina, utilizzate come bordature intorno a muri a secco.

Gertrude Jekyll non si sposò mai, per tutta la vita ha girato il mondo e ha continuato a elaborare piani per giardini altrui, lei raramente ha visitato questi giardini, progettandoli da lontano.