Condividiamo la bellezza

Nel giardino d’Autunno

Grandi cespugli fioriti di Aster sono per il giardino autentiche pennellate di colore, che variano dal viola al blu dal rosa al giallo, questi fiori sono ornamento per giardini, parchi aiuole e terrazzi. Il nome del genere (Aster) deriva dal greco e significa (in senso ampio) "fiore a stella". Fu introdotto da Linneo ma sicuramente tale denominazione era conosciuta fin dall'antichità.

Gli Aster fanno parte della famiglia delle Composite e se ne contano più di 200 specie, conosciuti come settembrini gli aster novae angliae ed i novi belgi; fioriscono in tarda estate e in autunno inoltrato.

Prediligono luoghi soleggiati o in semiombra, poco esigenti, si adattano bene a qualsiasi terreno, per avere delle abbondanti fioriture è consigliabile un terreno ricco di humus costantemente umido e con un ph neutro leggermente alcalino, a fine primavera è bene usare un buon concime organico per avere abbondanti fioriture a fine agosto.

I colori decisi delle Zinnie ravvivano il nostro giardino in autunno. Assomigliano a grandi margherite dal portamento fiero, lo stelo dritto foglie opposte, ruvide al tatto e tomentose, dal giallo caldo all’arancio-rosso, dal fuxia al rosa pallido. Facili da coltivare sono fiori rustici che si adattano molto facilmente a qualsiasi condizione. D’origine messicana e dell’America centrale, appartengono alla famiglia delle Asteraceae, esistono un centinaio di diverse specie, produce fiori globosi che hanno petali doppi, alcune sono screziate altre sono bicolore. Fioriscono da giugno sino a ottobre inoltrato, si seminano alla fine dell’inverno, inizio primavera utilizzate nei giardini come aiuole, in vasi e nelle bordure. Amano la luce e chiedono poca acqua ma prediligono i luoghi ventilati, perché facili all’insorgere di muffe e malattie fungine.

Originaria del Messico, la Dalia è stata introdotta in Europa alla fine del XVIII secolo a scopi culinari, ma il gusto spiacevole dei bulbi e la bellezza della fioritura estiva l'hanno subito destinata ad ornare i giardini. I suoi petali setosi e vellutati dai colori forti e decisi vanno dal bianco al rosa intenso, dal rosso fuoco al rosso scuro, giallo caldo. Esistono centinaia di varietà dai colori e dalle forme più strane, sono piante che producono fioriture abbondanti perche sbocciano in successione e questo ne prolungano la fiuoritura. E’ una pianta bulbosa perenne comprende specie erbacee con radici  tuberiformi oblunghe, fusto eretto, spesso legnoso ha foglie grandi composte, formate da 3-5 foglioline dentate. Le Dalie coltivate in piena terra preferiscono esposizioni soleggiate, terreno soffice e fresco, neutro, ricco e ben concimato.

           

 

I colori e i profumi dell’Autunno

I colori e i profumi dell’Autunno

L’intenso profumo del mosto, mentre fermenta, sale dalla cantina e rilascia nelle narici un dolce pizzicore e sollecita il palato a pregustare il vino che da lì a qualche mese sarà pronto. E’ dolce il ricordo della fatica della vendemmia, tra la fine di settembre e la prima settimana d’ottobre quando i grappoli sono maturi al punto giusto, s’invitano amici e parenti a passare in allegria momenti di puro divertimento nell’incanto della vigna, tra le mani i grappoli d’uve bianche e rosse, pregni di nettare pronti a diventare mosto.

Tra l’aria appiccicosa dei filari e le api golose di zucchero, l’autunno trova il perfetto equilibrio tra i profumi e i colori nella vigna. Spiccano tra le foglie della vite, i turgidi grappoli dal colore rosso-violaceo, o bianco dorato, mentre il verde intenso delle foglie lascerà a poco a poco il posto al colore rosso bruciato dell’autunno.

E’ il profumo delle castagne che accende il desiderio di casa, nel caminetto la legna arde e rilascia un odore aspro e pungente, le braci infuocate appena pronte a far saltare le castagne nella padella bucata. Non di rado il profumo delle caldarroste invade le strade in città; dove vecchi caldarrostai vendono in cartocci le castagne e dove spicca il giallo bruciacchiato che contrasta con il marrone della buccia spaccata, il palato ne riconosce il gusto dolce e farinoso del frutto autunnale.

Anche la terra ha il suo profumo d’autunno, dopo bagnata nel tepore del sole, tra le foglie ingiallite, odora di muschio umido, che penetra profodamente nei nostri ricordi. Diverso è il profumo dei fiori dell’Aster, cespugli autunnali dai colori accesi, dal lilla delicato al viola intenso, dal bianco al rosso ciclamino, il suo è un profumo delicato e pungente; ci accompagna a lungo nel giardino d’autunno. Non di rado s’incontrano anche allo stato spontaneo, sui costoni al fianco dei ciclamini, hanno un colore viola acceso o giallo dorato, una nota colorata nel limitar del bosco.