Condividiamo la bellezza

I peperoncini dell'orto

L'habanero un peperoncino tipico C. chinense, un arbusto a portamento eretto, con foglie ovato-lanceolate, verdi. Si distigue dalle altre varietà della specie per il frutto, generalmente a forma di lanterna, che può presentarsi con la punta allungata in forma conica o rientrante, ed è proprio la forma del frutto la caratteristica che identifica la varietà. Le dimensioni vanno dai 2 cm fino agli 8 cm di lunghezza, e circa la metà in larghezza, anche se la taglia varia molto a secondo della cultivar. Il colore è verde quando immaturo, mentre a maturazione può essere bianco, giallo, arancione, rosso, viola o marrone.

Peperoncino Capsicum Annuum, è un arbusto a portamento eretto, ha foglie lanceolate, verdi. Può essere presente una peluria su fusto e pagina superiore delle foglie. I fiori, bianchi, singoli, con stami giallo/verdi, a 5 - 7 petali, compaiono all'ascella delle foglie, uno per nodo, in estate. Il frutto è un bacca, di colore verde all'inizio, con colorazioni del frutto maturo dal bianco al viola, passando per le varie tonalità di giallo, arancio e rosso. Anche la forma è variabilissima: dai minuscoli Chiltepin, ai peperoni dolci, ai contorti "Peter's pepper" di forma fallica.

Trinidad Morugia Scorpion C. chinense Il frutto, a prescindere da forma e livello di piccantezza ha l'odore, simile all'albicocca, ed un sapore fruttato. La pianta è simile ad un piccolo albero, a crescita lenta. I fiori, bianchi o verdastri, con stami viola, possono essere campanulati, altro elemento distintivo della specie. Le foglie, larghe, carnose e rugose, possono avere una leggera peluria sulla pagina inferiore. ("Trinidad Moruga Scorpion") è un peperoncino identificato dal Chili Pepper Institute dell’Università del New Mexico. Deriva dal Capsicum chinense, un peperoncino nativo dell’America Centrale e dei Caraibi.Originario del distretto di Moruga è classificato da febbraio 2012 come il più piccante al mondo. Questo particolare peperoncino ha una concentrazione di capsaicina elevatissima, e raggiunge un grado piccantezza mai registrato prima: 2.000.231 unità o SHU La scala di Scoville unità di misura della piccantezza, dal cognome del farmacista americano Wilbur Scoville, che la sviluppò nel 1912. La scala determina l’attività della capsaicina – la sostanza responsabile del piccante – sui recettori del calore della lingua. I valori vanno da 0 (per un normale peperone), a 16 milioni (per la capsaicina pura).

 

 

L'orto giardino di Tiziana

L'orto giardino di Tiziana

Una casa, un giardino, ci sono ogni giorno momenti diversi, nel giardino di Tiziana, tra piante e fiori si prova la sensazione di aver trovato il posto giusto, esattamente dove dovremmo essere.

 

Alkekengi, le lanternine cinesi, piantata 5 anni fa, un pò trascurata e lascita a se stesso in fondo al giardino, si è riprodotta ogni anno senza troppe cure. Pianta perenne che produce bacche commestibili, appartiene, come il pomodoro e la patata, alla famiglia delle Solanaceae. 

Ha origini in Europa e Asia. Date le sue proprietà medicinali è coltivata fin dall'antichità. È un'erbacea perenne e si riconosce facilmente per i calici che avvolgono la bacca, simili a piccoli lampioni arancioni. Al tatto il calice ha consistenza quasi cartacea e spesso è poroso. Ci si aspetta un petalo ma se si cerca di spezzarlo è molto più tenace e resistente.

 

Nel giardino troviamo l'erba "Fontana" la Pennisetum alopecuroides ha infiorescenze di colore rosa, è una graminacea, spighe cilindriche ama un terreno normale e preferisce l'esposizione al sole, appartiene alla famiglia delle Poaceae il suo periodo di fioritura è agosto-ottobre, raggiunge un'altezza massima di 60-70 cm per avere un buon risultato deve essere piantata con densità. Molto ornamentale, attrae il portamento e il movimento che il vento conduce sulle sue foglie.

Nella sua indiscussa bellezza il geranio Imperiale, ama le posizioni soleggiate, anche se vive abbastanza bene in mezz'ombra, durante l'estate, una prolungata esposizione al sole può deteriorare la pianta.

Il Plumbaco scelto da Tiziana per il suo colore lilla intenso, ha fiori riuniti in infiorescenza a grappolo. Alcune specie possiedono dei peli ghiandolari sui sepali che ricordano strutturalmente i tentacoli di Drosera e Drosophyllum. La funzione di queste strutture non è ancora chiara. Secondo alcuni, essi aiutano la pianta nella dispersione dei semi, facendoli meglio aderire agli organismi deputati alla loro dispersione, altri invece notano che su alcune specie (p. es. Plumbago auriculata), rimangono intrappolati piccoli insetti striscianti. Ciò può significare che i tentacoli si siano evoluti per escludere gli insetti striscianti e favorire gli impollinatori volanti o forse per proteggersi dagli insetti predatori.

Ogni giorno nel mutare del giardino e dell’orto ci si riconosce nella crescita di una natura domestica in cui ogni pianta rappresenta una sorpresa...

Fonti:WIKIPEDIA