Condividiamo la bellezza

PERMEACULTURA

Progettare in permacultura significa creare sistemi che durino nel tempo, che siano sostenibili, equilibrati e stabili, ovvero in grado di auto mantenersi e rinnovarsi con un basso input di energia.

La permacultura insegna a progettare insediamenti umani che imitino il più possibile gli ecosistemi naturali, a gestire paesaggi antropizzati (intervento dell'uomo sull'ambiente naturale, con lo scopo di conformarlo, quindi modificarlo e manipolarlo).

LIBRI PER APPROFONDIRE

Il concetto di Permanent Agricolture, risale al 1911 fu Franklin Hiram King nel suo libro Farmers of Forty Centuries: Or Permanent Agriculture in China, Korea and Japan a parlarne, definendolo un sistema agricolo sostenibile per un tempo illimitato.

A partire dal 1974 in Australia Bill Mollison e David Holmgren cominciarono a sviluppare un quadro di riferimento, incentrandolo su una policoltura di specie arboree perenni, arbusti, specie erbacee, funghi e sistemi radicali. Oltre a questo il metodo si poneva come obiettivo, progettare insediamenti abitativi, in modo da condividere il lavoro necessario per mantenerli.

 

L’orto-giardino sul tetto

L’orto-giardino sul tetto

Un progetto di permacultura dal sito: http://milkwood.net/

Si tratta di un tetto vivente nella fase finale di una speciale costruzione: la Roundhouse, dove il tetto si trasformerà in un orto-giardino.

Un tetto vegetale aiuterà l’edificio a mantenere un isolamento termico ideale.

Le fasi preliminari della costruzione inizia con un telaio circolare di legno, senza appoggio centrale, con il giardino in pendenza che aiuterà a drenare l’acqua e far crescere le piante. Un tetto fatto di strati, una copertura di legno duro, pezzi di polistirolo, e una copertura di iuta.

Un telo in materiale geotessile che isola dall’acqua, con questo strato dovrebbe, nel tempo, contribuire a filtrare l’acqua dal tetto, oltre a fornire una trazione tra il rivestimento stagno. Prossimo passo - ghiaia, terra, piante, pacciame. Un sacco di pacciame. Un sacco di piante.

Cosa crescerà sopra questo tetto vivente? Non lo sappiamo esattamente. Questo è il nostro primo tetto vivente, così come le nostre scelte di coltivarlo e speriamo non deluderanno.

Abbiamo piantato: erba cipollina aglio, timo, fragole, salvia, maggiorana, consolida, il prezzemolo e la casa di porri (sempervivum), fave, avena e trifoglio,

Il bordo esterno della grondaia, può essere collegato ad un tubo di scarico in modo che l'acqua può essere raccolta, l'acqua dal tetto viene filtrata attraverso il terreno.

Una volta che il tetto vivente avrà creato un piccolo ecosistema, l'acqua filtrata proveniente dal tetto verrà usata per la coltivazione delle piantagioni, per creare un microclima verde intorno a questa struttura.