Condividiamo la bellezza

Marmellata di more…

Marmellata di more…

 la bontà vale qualche graffio

Trovare un bel cespuglio di Rubus ulmifolius carico di frutti è sempre una sorpresa inaspettata. Il Frutto delle more è composto da tante piccole drupe che crescono su un arbusto perenne, i cui rami sono provvisti di spine.

Le drupe a volte sono troppo in alto o troppo all’interno del cespuglio è quindi difficile raccoglierle con facilità. Davanti ad un cespuglio carico di more belle, grandi e mature, ti emozioni, ti butti dentro nel rovo e qualche graffio è sicuramente inevitabile.

E’ importante iniziare la raccolta delle more con un adeguato equipaggiamento: stivali di cuoio possibilmente, mai scarpe aperte, pantaloni jeans, camicia pesante per salvare le vostre braccia dalle spine, un bel cesto capiente da riempire e due cestini piccoli da portare sul braccio per avere una maggiore agilità e comodità. A questo punto tutto è pronto per andar per more!

La raccolta è stata generosa ben 5 Kg di grosse more che riempiranno la nostra credenza di vasetti con la deliziosa marmellata qui sotto la ricetta di Tiziana:

1 kg di more

600 g di zucchero (io ho messo metà di canna e metà semolato) Raccogliete le more possibilmente ben mature. Lavatele bene passandole più volte sotto l’acqua corrente, togliendo eventuali residui di foglie e rami di rovo.

Mettetele a cuocere a fuoco moderato per una ventina di minuti mescolando di tanto in tanto con un mestolo di legno, cercando di schiacciarle il più possibile.

Dopo la bollitura e ancora calde passatele col passaverdura con il dischetto a fori medi e successivamente ripassate il residuo con il dischetto a fori più piccoli.

Questa procedura è facoltativa e genera molto scarto, ma evita il fastidio dei semini delle more quando si mangia la marmellata, rendendola molto più buona. Mettete a bollire per 1 ora, massimo 1 ora e mezzo girando frequentemente fino a che la marmellata non comincia a condensare.

Un metodo per capire quando la marmellata è pronta consiste nel metterne un po’ su un piattino, inclinarlo e vedere come scivola via. Se la marmellata è pronta, deve avere consistenza e non scivolare via velocemente.

Prendete i barattoli di vetro, precedentemente sterilizzati in acqua bollente e riempiteli con la marmellata ancora calda. Tappateli e girate subito dopo il barattolo al contrario per formare il vuoto.

Il periodo migliore per raccogliere il frutto maturo è tra la fine di agosto e settembre; per avere la certezza di un gusto dolce e meno acidulo.