Condividiamo la bellezza

LIBRI

 

 

 

Raingardens...Il giardino della pioggia

Raingardens...Il giardino della pioggia

Un flusso d'acqua piovana porta foglie, erba tagliata, fertilizzanti e pesticidi provenienti da strade e tetti, questo contamina bacini idrici come laghi e fiumi. Un modo semplice per aiutare l'acqua a penetrare nel terreno lentamente, piuttosto che scappare nelle fogne, è la creazione di un Raingarden, inserito in un giardino o in aiuole diventa un bacino che intercetta la pioggia e la filtra rendendola più pulita.

Costruito correttamente, il giardino diventa un filtro per il recupero dell’acqua piovana.

 

Che cosa è un Raingarden?

Un Raingarden è un giardino progettato e impiantato per catturare l'acqua piovana, una depresione, in modo che possa essere assorbita lentamente nel terreno, questo per aiutare a filtrare e recuperare la quantità dell'acqua. Ciò contribuisce a ridurre la quantità del flusso delle acque piovane che altrimenti raccogliendo sostanze inquinanti presenti nell'aria, nelle strade, si depositerebbero nei bacini idrici come laghi e fiumi.

I Raingardens sono anche un modo per abbellire, utilizzando piante perenni che richiedono poca manutenzione, senza l’uso dei fertilizzanti o pesticidi, aumenta il valore del decoro urbano di un quartiere o di un’abitazione.

La maggior parte dei giardini sono progettati con piante che si adattano bene alle condizioni uniche del giardino della regione, affidando alla capacità del suolo di assorbire e infiltrare l’acqua, con l’utilizzo di piante autoctone e coltivate, le radici aiutano a filtrare l'acqua nel terreno.

Le piante autoctone sono quelle più adatte ai raingarden in quanto non richiedono grandi cure e sono più resistenti agli attacchi dell’ambiente esterno, tra queste si possono scegliere erbacee annuali o perenni, arbusti e alberi di piccola e media grandezza, per evitare problemi con le radici.

Le piante che si adattano alla realizzazione di un raingarden, sono l’Echinacea purpurea, Amaryllis ‘Crimson Pirates’, Panicum virgatum ‘Shenandoah’, Iris versicolor, Hydrangea quercifolia (ortensie), arbusti e piccoli alberi, come Magnolia stellata, Amelanchier lamarckii.

Questo processo di filtraggio aiuta a pulire la nostra preziosa acqua e aiuta a limitarne la quantità di sostanze inquinanti come azoto e fosforo; sostanze che concorrono ad inquinare le falde freatiche.

PER APPROFONDIRE