Condividiamo la bellezza

L‘accesso ufficiale della riserva si trova in via Paolo Emilio Castagnola, parallela della via Trionfale all’altezza del San Filippo Neri.

Si può facilmente raggiungere con i mezzi pubblici:

  • Linee Bus 998,997,907
  • Treno Roma-Viterbo fermata “San Filippo Neri”
  • G.R.A. uscita Trionfale-Ipogeo degli Ottavi

La riserva è aperta tutti i giorni e non è necessario pagare alcun biglietto d’ingresso.

 

Riserva Naturale dell'Insugherata

 Riserva Naturale dell'Insugherata

 

La Riserva Naturale occupa una superficie di 740 ha ricadente nel territorio del comune di Roma, tra la via Trionfale e la via Cassia, costituire un corridoio naturalistico tra l'area urbanizzata a nord di Roma ed il sistema naturalistico Veio-Cesano, a nord-ovest della capitale. 

L'Insugherata e le aree che la circondano conservano tracce e memorie delle vicende di vita comune e di vita pubblica, che l'hanno attraversata più di duemila anni. Nella riserva sono state censite oltre 630 specie floristiche di cui 44 peculiari della riserva: è l'area protetta che contiene la maggior parte delle erbe censite a Roma.

Prende il suo nome dalla presenza di numerosi esemplari di sughere.

Entrando nella riserva si può notare un paesaggio naturale piuttosto articolato, si passa dalle zone degradate "garighe" dominate dal cisto e l'asfodelo che ama i prati soleggiati ed è una pianta infestante. 

L'inula che è una pianta frutice legnosa alla base e abbondantemente ramificata, vigorosa, con rami eretti, con germogli pubescenti, emananti un forte odore aromatico di resina.

 

Nei boschi, dominano la quercia da sughero e la roverella, scendendo nelle valli, in una condizione più fresca, troviamo piante di carpino nero, il nocciolo, l'orniello e la farnia, che vanno a costituire il cosiddetto bosco misto. Nei fondovalle, lungo i torrenti, incontriamo il salice bianco.

La Riserva naturale dell'insugherata è un gioiello di grande valore naturalistico che ha la particolarità di trovarsi nel tessuto urbano di Roma.

Le prime testimonianze sono del VI secolo a.C. Si attraversa la storia romana e la storia etrusca, la Roma dei Cesari e la Roma dei Papi, in una sequenza di eventi più o meno documentati che arrivano fino ai giorni nostri.