Condividiamo la bellezza

Alcune caratteristiche del progetto

Il progetto che la scuola ha realizzato è una copertura a verde estensivo su un pavimento di un tetto a terrazzo in muratura e non in piena terra. La copertura prima di impiantare il giardino deve rispettare ed esser conforme alle norme europee (UNI 11253). 

La vegetazione utilizzata per la copertura di una parte del tetto è realizzata a Sedum (diverse specie) e Delosperma cooperi. La scelta si è indirizzata su una copertura che prevede una minore manutenzione perché ha uno sviluppo vegetativo molto contenuto e non richiede una grossa attività manutentiva. 

Nello spazio utilizzato del terrazzo, oltre al giardino, sono state avviate alcune sperimentazioni scientifiche attraverso cassoni sopraelevati, dove sono state messe a dimora piante della flora mediterranea: Allium schenoprasum, Cerastium tomentosum, Teucrium chamaedrys, Thymus serpillum, Saponaria ocymoides, Lavandula stoechas; utili al monitoraggio delle temperature degli strati, l'andamento dei flussi termici e le caratteristiche idrologiche e agronomiche.

Per l’opera è stato utilizzato un sistema multistrato “tipo SEIC”, dallo spessore totale di circa 11 cm, nella parte preliminare. La realizzazione dell’insieme del giardino prevede un camminamento realizzato con ghiaia lavata di fiume; un sistema di adduzione idrica per il controllo del deflusso delle acque, un impianto d’irrigazione e una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana.

E’ possibile visitare il tetto, saranno gli studenti disponibili a condurre visite e dare informazioni sul progetto, orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione del Keplero Garden & Green Roof.

Approfondimento sul regolamento ISPRA sul verde pensile

TETTI ISPRA verde-pensile.pdf (1937995)

Giovedì 23 Febbraio dalle 14,00 alle 19,00 presso la Casa dell'Architettura in piazza Manfredo Fanti 47 si svolgerà un seminario sui tetti verdi alla quale parteciperà anche il professor Roberto Casalini.

Un tetto verde al Liceo scientifico Giovanni Keplero di Roma

Un tetto verde al Liceo scientifico Giovanni Keplero di Roma

La resilienza urbana

Liceo scientifico Giovanni Keplero di Roma

L’idea di città resiliente rappresenta un sistema urbano che interviene e si adegua ai cambiamenti climatici, coinvolgendo attivamente tutta la comunità attraverso progetti sociali, economici e ambientali, in un processo di adattamento.

Il tetto verde realizzato sopra il liceo scientifico Giovanni Keplero a Roma è un buon esempio di resilienza urbana, una risposta concreta ai continui cambiamenti climatici in atto nelle nostre città inquinate. Lo sviluppo sostenibile di spazi verdi, in ambienti antropizzati è una scelta che qualifica e compara principalmente i benefici ambientali, economici e sociali, ancor più se a fare questa scelta è una scuola attraverso un progetto responsabile che parte dal basso e che forma futuri cittadini consapevoli.

Il liceo si trova nel quartiere “Marconi” ad altissima densità urbana; proprio perché molto inquinato è un quartiere virtuoso a sperimentazioni, volte alla riqualificazione ambientale, specie nelle scuole. La scuola media Giuseppe Bagnera, ad aprile 2016 è diventata la prima scuola smog free, grazie alla società Istech che ha installato nel cortile dei depuratori per l’aria, utili all’abbattimento delle polveri atmosferiche (sistema APA). Nello stesso periodo, il liceo Giovanni Keplero inizia il progetto del tetto verde, finalizzato a influenzare le prestazioni esterne dell’edificio, mitigare l’isola di calore, regimentare le acque piovane ed assorbire le polveri sottili per contrastare l’ambiente inquinato.

La progettazione e la realizzazione del tetto verde ha coinvolto molti docenti: il professore di scienze Roberto Casalini per l’idea didattica, il dott. Antonio Vestrella, architetto paesaggista, per la progettazione e gli alunni di diverse classi. Oltre alle aziende che hanno fornito il materiale per la messa in opera, anche il coinvolgimento della facoltà di Scienze dell’Università Roma 3 attraverso la prof.ssa Giulia Caneva e principalmente il direttore scolastico Maria Concetta Di Spigno che ha avvalorato il progetto.

In questi pochi metri quadrati “200“ realizzati a tetto verde, vi si affacciano molte abitazioni private che hanno ben gradito il lavoro che la scuola ha svolto nel costruire il giardino pensile, in quanto si percepisce una sensazione di maggiore benessere. L’architettura urbana e paesaggistica impiega il verde pensile come elemento creativo e distensivo, per riparare un ambiente degradato e sfruttato su un territorio altamente abitativo e dove gli spazi verdi comuni sono molto limitati, come le coperture di parcheggi interrati, i ritagli di spartitraffico e parte dell’ambiente naturale del greto del Tevere che disegna il limite del quartiere.