Condividiamo la bellezza

Villa Taranto

Villa Taranto

 

Verbania  sul Lago Maggiore

I giardini botanici di Villa Taranto si trovano a Verbania, nella parte nordorientale del promontorio della Castagnola sulle rive occidentali del Lago Maggiore. I giardini terrazzati coprono un'area di circa 16 ettari, che ospitano decine di migliaia di piante. Sono percorsi da 7 km di viali ed hanno attualmente una vasta fama in tutto il mondo, in quanto sono considerati tra i più belli d'Europa.  La villa fu realizzata nel 1875 dall'architetto ticinese Augusto Guidini

Nel  1931, fu il Capitano Scozzese Neil McEacharn, ad acquistare la proprietà dalla Marchesa di Sant’Elia, per trasformarla in un esemplare giardino all’inglese, ubicato in un lembo d' Italia che, pur con maggior morbidezza e ricchezza di toni, poteva ricordargli la nativa Scozia. Quest’opera doveva conciliare due esigenze fondamentali: l'estetica e la botanica. Esigenze botaniche, in quanto le varie vegetazioni dovevano trovare condizioni di terreno e di clima il più possibile ideali. Le tappe della creazione dei nuovi giardini videro diverse fasi lavorative, sino alla loro ultimazione nel 1940.

Molte migliaia di piante, importate da ogni parte del mondo costituiscono collezioni rarissime. Tra le opere più significative possiamo nominare: la “Valletta”, realizzata dopo imponenti lavori di scavo; l’impianto d’irrigazione, la cui acqua viene pompata direttamente dal lago. I “Giardini terrazzati”, con le loro cascatelle, piscina, vasche per ninfee e fior di loto; il “Giardino d’inverno” ed il “Giardino palustre”; fontane ornamentali e giochi d’acqua.

Oggi il patrimonio botanico dei Giardini di Villa Taranto è vastissimo: comprende circa 1.000 piante non autoctone e circa 20.000 varietà e specie di particolare valenza botanica. L’Ente Giardini Botanici Villa Taranto “Cap. Neil Mc Eacharn”, ha il preciso scopo di conservare all’Italia e a tutto il mondo questo impareggiabile gioiello di botanica e di bellezze naturali.

INFO-www.villataranto.it/

www.fiori-forchette.com

Wikhipedia