Approfondimenti

Per approfondimenti:

Eva di Stefano

Schiele

Giunti (artedossier)

Fernando Mazzocca

Corcos

Giunti (artedossier)

Vittorio Corcos, biografia

Nasce a Livorno il 4 ottobre 1859.

Fin da bambino rivela una spiccata attitudine per il disegno assecondata dai genitori che lo sosterranno negli studi di pittura fino al conseguimento di uno borsa di studio che lo porterà all'Accademia di Napoli.

Nel 1880 Re Umberto acquista un suo dipinto esposto a Napoli. Nello stesso anno si reca a Parigi e frequenta gli intellettuali dell'epoca. Espone al Salon, nel 1884 visita l'Inghilterra e inizia a specializzarsi nella ritrattistica.

Nel 1896 torna a Livorno, si sposa e si trasferisce a Firenze.

Torna in Inghilterra, inizia ad illustrare racconti e nel 1891 ritrae Piero Mascagni affermando sempre più la sua abilità di ritrattista.

Nel 1896 è a Berlino e poi espone a Firenze "Sogni" considerato il suo capolavoro.

Nel 1904 è a Berlino per i ritratti dell'imperatore e dell'imperatrice, occasione per frequentare assiduamente la corte. Nel 1913 illustra un popolare romanzo. Negli anni della prima guerra mondiale la, sua attività sembra interrompersi per riprendere nel 1922 un ritratto della regina Margherita di Savoia e nel 1931 della principessa Maria José.

Muore l'8 novembre a Firenze.

Egon Schiele, biografia

Nasce il 12 giugno 1890 a Tulln e nel 1894 nasce la sorella Gertrude.

È un bambino cupo e taciturno che tende ad isolarsi dagli altri preferendo la compagnia della sorella e mostrando attitudine a scuola solo per il disegno, apparendo come un disadattato. Infatti nel 1902 e nel 1903 viene accusato di disturbare le lezioni perché disegna in classe.

Nel 1905 il padre muore, lo zio diventa suo tutore ed Egon inizia a prendere lezioni di pittura. Incoraggiato dal suo maestro nel 1906 si iscrive all'accademia.

Ma Schiele non sopporta l'eccessivo accademismo e si trova spesso in contrasto con gli insegnanti.

Nel 1907 conosce Klimt che ammira sinceramente il suo lavoro e lo incoraggia. È l'inizio di un rapporto di amicizia sincero e di scambio tra artisti.

Nel 1909 abbandona l'accademia, lo zio gli sospende la rendita per il suo mantenimento, inizia a vendere i suoi ritratti ed espone in qualche galleria di Vienna.

Inizia a viaggiare e a divenire un artista apprezzato ma un uomo contestato, soprattutto dopo l'arresto nel 1913 in seguito all'accusa di aver sedotto una minorenne. Gli vengono sequestrati dei disegni considerati osceni.

Nel 1914 viene esonerato dall'arruolarsi per la guerra. Conduce una vita promiscua, seducendo le sue modelle e nel 1914 espone in una personale a Vienna.

Nel 1915 si sposa e viene arruolato. Nonostante la guerra riesce ad esporre in diverse gallerie europee.

Nel 1918 muore a causa di un'epidemia di febbre spagnola, pochi giorni dopo sua moglie, incinta di sei mesi.