Dimorfoteca

Margherita africana

Una delle margherite in fiore che troviamo in molti giardini, a partire dalla fine di febbraio primi di marzo e fino in autunno inoltrato, è la Margherita africana, Dimorfoteca sinuata o pluvialis, ne esistono molte varietà, possono essere perenni o annuali, dipende dalla coltivazione. La pianta essendo invadente se non è in vaso, va inserita in uno spazio dove può espandersi liberamente, senza invadere altre piante.

Della grande famiglia delle Asteraceae, è una margherita dai molti colori, con tonalità del rosa, fino al un viola acceso. Il portamento cespuglioso, su un fogliame verde chiaro, le foglie lanceolate, al tatto hanno una consistenza cerosa, sul cespuglio le margherite si distribuiscono in modo armonioso, il fiore misura dai 4 ai 5 cm. 

La Dimorfoteca predilige luoghi assolati, ama la luce che ne condizionano la sua fioritura e posizionata a mezz'ombra, è una pianta erbacee molto resistente, ma in inverno è meglio ripararla dal freddo intenso. Durante la ripresa vegetativa e la fioritura la Dimorfoteca ha bisogno di molta acqua che deve essere costante, con l'accortezza che non ci siano ristagni d'acqua, nella coltivazione in vaso. Il concime per piante e fiori, liquido diluito in acqua va usato anche ogni 20 giorni, o un concime granulare a rilascio lento, ogni due mesi. I fiori appassiti è bene eliminarli con delle forbici. La sua moltiplicazione avviene per semina durante la stagione primaverile, inizio estate, possono esser messe a dimora, prima in vaso, per ripararle durante l'inverno e trapiantate in giardino verso marzo per diventare una bordura o un colpo di colore nel proprio giardino. E' possibile anche creare delle talee semi legnose, da una pianta robusta di qualche anno.