Dolcetti dell'Amicizia

I Dolcetti dell'amicizia- buoni al punto di dover chiudere gli occhi e godere di ogni sapore che si apre al palato mentre li si assapora dolcemente.. Inusuali, dolci, ma non stucchevoli, sani e nutrienti. Ho scoperto che accompagnati da una spezia particolare erano uno dei medicamenti usati da Cosimo de Medici! Ah che tempi quando il cibo era visto anche come medicina!!

Procedimento: Tritare grossolanamente nel mixer mandorle, o nocciole, e se volete anche qualche noce e poi aggiungetevi dei datteri snocciolati o albicocche secche, prugne secche denocciolate o fichi secchi e uvetta passa. Fate delle palline e spolverarle con gusti vari: col gomasio, con granella di mandorle, con il cacao amaro, con scaglie di cocco, con granella di fiori secchi o polvere di cinorrodo di rosa canina, con polvere di buccia d'arancio e cannella. 

Sbizzarritevi!! I bambini adorano fare questi dolcetti perché si impiastricciano tutte le mani e perché non conoscono la bontà della frutta secca e ne restano affascinati. Fatene sempre qualcuno in più da portare in dono agli amici. Farete un figurone!

Una volta preparati, io amo cospargerli con "briciole" di roselline essiccate e chiuderli in un tapperwere di vetro così che possano assorbire il profumo delle rose e divenire così ancor più appetitosi.